Che cosa sono gli enzimi digestivi e a cosa servono

Cosa sono gli enzimi digestivi e a cosa servono

Gli enzimi fanno parte delle sostanze di natura proteica che tutti gli organismi, vegetali o animali, possiedono intrinsecamente. All’interno del nostro corpo gli enzimi vengono sintetizzati dall’organismo oppure devono essere introdotti attraverso l’ingestione di alimenti che ne favoriscono l’incremento.

Esistono due tipologie di enzimi:

  1. Enzima metabolico, che lavora a livello cellulare
  2. Enzima digestivo, che rende possibile e facilita l’ingestione del cibo.

Una corretta digestione, dunque, passa attraverso la corretta sintetizzazione di enzimi digestivi che scompongano il cibo negli elementi assimilabili dal nostro organismo. Per esempio, esistono enzimi di tipo “amilasi”, “proteasi”, “lipasi” sulla base del tipo di macromolecole che sono destinate a scomporre (in ordine: amidi, proteine, lipidi).

Come attivare gli enzimi?

Gli enzimi digestivi si attivano attraverso un’alimentazione variegata e ricca e una corretta funzionalità di organi come il pancreas. All’interno del nostro corpo, la quantità di enzimi è solitamente soggetta a grandi fluttuazioni imposte da condizioni psicologiche e climatiche: situazioni di stress, di inquinamento, sforzi e farmaci possono inficiare la naturale produzione e alterare il nostro benessere e la nostra capacità di digestione.

Digestione più difficile: i sintomi

Quando gli enzimi sono pochi o non lavorano correttamente, la digestione fatica ad assimilare le sostanze essenziali per il sostentamento del nostro organismo. Da questa problematica, si sviluppano sintomi come pancia gonfia, ansia, crampi notturni, allergie, intolleranze alimentari, digestione lenta, fame frequente, stipsi e colite. In caso di manifestazione frequente di uno o più di questi sintomi, è opportuno rivolgersi al proprio medico per un consiglio più mirato su come risolvere il nostro problema.

Che cosa mangiare per incrementare gli enzimi digestivi?

Per aiutare il nostro corpo a produrre la giusta quantità di enzimi digestivi, dobbiamo seguire un’alimentazione corretta e variegata dove la frutta e la verdura arricchiscono sempre ogni nostro pasto di gusto e, soprattutto, delle loro molteplici proprietà. Ananas, banane, fichi, melone, mango, pera, pompelmo, broccoli, carote, cipolle, lattuga, pomodori, yogurt e cetrioli stimolano la produzione quotidiana di enzimi digestivi e ci aiutano a stare meglio.

Le vitamine, alleate degli enzimi

Per poter operare correttamente, gli enzimi hanno bisogno dell’intervento dei coenzimi, ovvero di quelle che definiamo vitamine del gruppo B, A, C, e K. Anche minerali come zinco, magnesio, rame e calcio aiutano – se assunti in dosi corrette – i processi di digestione del nostro corpo.