Peperoncino: tutti i segreti sulla coltivazione e come utilizzarlo in cucina

Peperoncino: tutti i segreti sulla coltivazione e come utilizzarlo in cucina
Etichette

Il peperoncino è una delle piante più facili da coltivare: cresce molto bene sia nell’orto che in un vaso e per questo è idoneo anche per chi vive in città. Esistono tantissime varietà di peperoncino e ciascuna di queste ha le proprie caratteristiche, anche se quello più diffuso in Italia è il cayenne.

Come e quando coltivare il peperoncino

Il peperoncino va piantato da fine marzo in poi, anche se rimane vincolato alla fine del periodo delle gelate. Nel sud Italia quindi può essere anticipato di qualche settimana, mentre nel nord è meglio attendere anche la metà di aprile o maggio. Il terriccio richiesto è quello per le piante orticole e se è piantato in vaso, deve essere concimato e irrigato con una maggiore frequenza rispetto all’orto; inoltre nel periodo invernale potrà essere ricoverato in un luogo caldo, in modo da evitare le gelate. È molto importante anche fare attenzione ai ristagni che causano la formazione di funghi e patologie. Se conservata con cura, una singola pianta può durare anche diversi anni e dare più raccolti: in questo caso si può decidere quale sarà l’intensità della piccantezza, a seconda di quando si irriga il peperoncino, ad esempio se irrigato la sera prima sarà meno piccante.

Come usare il peperoncino in cucina

Le sue origini sono del centro America ed è una delle spezie più longeve ancora in commercio. Il peperoncino è ricco di vitamina C, un forte antiossidante con effetti positivi per la salute. In cucina, in particolare nella dieta Mediterranea, può essere utilizzato in diversi modi: essiccato, affumicato, cotto o crudo. Alcuni piatti della tradizione italiana sono diventati famosi proprio per il protagonismo di questa spezia, come la pasta aglio, olio e peperoncino, le bruschette con aglio e peperoncino, le penne all’arrabbiata, il peperoncino ripieno e la famosa nduja calabrese.

Il peperoncino può essere utilizzato anche per fare marmellate e confetture: in questo caso dovranno essere cotti insieme allo zucchero per diverse ore.

Questa spezia si accompagna molto bene al pomodoro, un altro ingrediente base della dieta mediterranea, ma anche alle carni, alla pasta e all’olio extravergine di oliva. Le sue possibilità di utilizzo in cucina sono potenzialmente infinite e se non basta seguire la tradizione, ci pensa la fantasia a trovare nuove gustose ricette.