Stelle di Natale: come prendersene cura tutto l’anno


Stella di Natale

Le stelle di Natale sono uno dei regali più comuni e graditi delle feste natalizie. La colorazione delle foglie, verdi e rosse, si intona alla perfezione con il clima festivo e dona quel tocco di colore che non può mancare in nessuna casa addobbata. Bastano alcuni vasi di stella di Natale per creare un’atmosfera perfetta: ma che ne è di queste povere piantine una volta che le feste finiscono?

La stella di Natale è un regalo d’effetto per via dei suoi colori sgargianti che ricordano, appunto, il Natale. Ma che cosa accade quando smontiamo l’albero e riponiamo le decorazioni? Queste povere piantine meritano di dare un tocco di colore alla nostra casa tutto l’anno! Come facciamo a mantenerle belle e sane come il giorno in cui ci sono state regalate?

Stella di Natale: di quanta acqua ha bisogno?

La stella di Natale è una pianta di origini messicane che non ha bisogno di molta acqua per sopravvivere. Prima di annaffiarla, tocchiamo il terriccio: se è asciutto, è il momento di aggiungere un po’ d’acqua. Fondamentale per la sua sopravvivenza è assicurarsi che nel vaso non ci siano ristagni d’acqua, che potrebbero risultare fatali alla. Altra cosa importante, ricordiamoci di non bagnare mai le foglie.

Stagionalità della stella di Natale

D’inverno e d’autunno, è bene che la stella di Natale rimanga in casa con noi, in un luogo asciutto e ben arieggiato. D’estate, spostiamola invece in giardino, in un luogo lontano dal contatto diretto col sole, che non gli fa bene! La stella di Natale è una pianta che dev’essere rinvasata poco prima dell’estate, verso maggio, in un vaso solo leggermente più grande. In questo modo, crescendo, la stella produrrà meno foglie e più fiori.

Stella di Natale: un anno dopo

La stella di Natale può (e desidera) rifiorire! Non gettatela: questa pianta riesce a sopravvivere anche ai climi più caldi. Una volta che le foglie rosse sono cadute, dovrete tagliare – di solito verso fine febbraio – i rami che sono rifioriti, fino a circa 10 centimetri. Tenete la pianta all’aperto fino a settembre, e ricordatevi di concimare sporadicamente. Se tutto va bene, in autunno spunteranno i fiori e sarete l’invidia di tutto il vicinato! C’è un segreto che, pare, aiuta le stelle a rifiorire: nel periodo tra settembre e ottobre, è importante metterla al buio completo dalle 5 di pomeriggio alle 7 di mattina, per poi ricollocarla nel solito spazio luminoso. In questo modo, la probabilità che fiorisca è assai più alta!